Sognare sulle note delle onde, ‘I Tesori del Cilento’ di Rosa Squillaro

SAN TEODORO (SERRAMEZZANA), 26 ottobre 2016. Qualche tempo fa abbiamo incontrato Rosa Squillaro che ci ha mostrato ‘acchiappasogni’ e ‘scacciaguai’. Dal suo balcone sventolano entrambi e lei si affaccia spesso per osservare quel lembo di mare che si scorge da lassù. Siamo a pochi passi da Agnone: San Teodoro si raggiunge dopo appena qualche minuto attraverso la provinciale 167.

Rosa, classe 1977, è nata tra queste colline e qui vuole vivere. Una laurea in scienze politiche e l’amore infinito per la propria terra forse non possono convivere in questa realtà perché qui devi scegliere: o ti godi il Sole del tuo Cilento oppure te ne vai altrove. Lei, nonostante le difficoltà e un timido tentativo di partire, ha deciso di ritornare e di restare!

I rintocchi della campana, l’unica del paese, scandiscono le ore. Se la giornata è tiepida e il vento ti accarezza, allora bisogna raggiungere la spiaggia della Marina. Passeggiando ti ritrovi tra ciottoli e conchiglie. Li osserva, li raccoglie. Spazio alla creatività ed ecco venir fuori ‘acchiappasogni’ e ‘scacciaguai’! Poi, non si sa mai. E quando non si ha voglia di scendere in spiaggia allora ci inoltriamo tra la campagna. Anche qui la natura restituisce l’immenso della sua bellezza: fra i tralci di vite e le foglie appassite c’è solo l’imbarazzo della scelta. La natura è generosa e si sperimenta un nuovo progetto da realizzare.

Rosa di fantasia ne ha tanta! Quante volte abbiamo sentito l’espressione ‘brutta come una cozza’! Ma Perché? Lei ha sfatato il mito ed è riuscita a ricavarne un bellissimo fiore.

Rosa I tesori del Cilento

E poi: piccole conchiglie diventano farfalle svolazzanti e tanti piccoli sassi un grappolo d’uva.

Rosa i tesori del Cilento 2

La pagina facebook ‘I Tesori del Cilento di Rosa Squillaro’ viene aggiornata costantemente e contiene tutte le sue creazioni. Da qui è possibile contattare l’artista oppure in alternativa vi segnaliamo l’indirizzo mail [email protected] .

rosa2

 

Precedente Lancette indietro: torna l'ora solare Successivo La Scuola medica salernitana