San Mauro Cilento, due casali e un solo patrono

Nei piccoli casali del Cilento la festività patronale è spesso l’occasione in cui la comunità esprime il suo senso di appartenenza. A San Mauro Cilento accade l’11 luglio, come pure in occasione della festività della Madonna Addolorata. Il programma religioso, nel giorno della ricorrenza, prevede la Santa Messa alle ore 09:00, 11:00 e 19:00, quest’ultima celebrata in Piazza San Nicola ed affiancata dalla consueta processione.

San Mauro Cilento

L’abitato di San Mauro Cilento è costituito da due antichi centri: Casalsottano (o Casal Sottano) e Casalsoprano (o anche Casal Soprano), dolcemente posizionati sulle colline che degradano verso il mare. Casalsoprano, a sua volta, è formato da storici rioni come Serra, Sorrentini e Ratto. In passato vi furono altri agglomerati che, nel corso del tempo, hanno determinato la nascita di San Mauro Cilento.

San Mauro Cilento - statua antica prima dell'ultimo restauro
San Mauro Cilento – statua antica prima dell’ultimo restauro

Oltre alle emergenze storico-artistiche, tra cui la chiesa parrocchiale e quella della Madonna Addolorata, il territorio vanta una posizione geografica dal forte interesse paesaggistico. Dalle colline che si dipanano dal Monte della Stella, rapidamente si raggiungono le limpide acque del mar Tirreno – qui bandiera blu – con la bella località balneare di Mezzatorre. Realtà secolari che hanno condiviso la stessa storia. Località unite anche nel nome di San Mauro Martire, patrono dell’intera comunità.

La storia delle statue

L’antica statua di San Mauro, risale alla seconda metà del XVII secolo. Campeggia nella nicchia che sovrasta il coro nel presbiterio. Nel corso del tempo ha subito diversi restauri tra cui uno alla metà del XIX secolo e l’ultimo nel 2016. Era il 1930 quando fu portata in processione per l’ultima volta. Da allora è posizionato stabilmente nella sua nicchia. In quegli anni si assisteva a forti ondate migratorie, soprattutto verso le Americhe.

San Mauro Cilento - statua del Santo patrono
San Mauro Cilento – statua del Santo patrono

E fu possibile anche grazie al contributo degli emigranti commissionare una nuova statua. La scelta si rese necessaria poiché, vista la collocazione, la grandezza e il peso, in occasione della festività, l’operazione dello spostamento risultava complesso e delicato. A cavallo tra le due guerre, dunque, fu realizzazione la nuova immagine che riproduce fedelmente la più antica. Differisce nel braccio sinistro, proiettato in avanti in corrispondenza del busto e non sporgente verso l’esterno come accade nella più antica.

Il corteo processionale: ‘San Mauro’ e i ‘Sanmaurieddi’

L’11 Luglio, giorno della ricorrenza, si tiene la tradizionale processione. In passato muoveva nelle immediate vicinanze della Chiesa Madre, oggi, invece, si snoda per le vie principali dei Casali. A caratterizzare il corteo processionale è la presenza delle statuette a mezzo busto di ‘San Mauro Martire’ e ‘San Mauro Abate’, riconosciute nell’onomastica popolare come ‘Sanmaurieddi’.

San Mauro Cilento - busti reliquiari di San Mauro Martire e San Mauro Abate
San Mauro Cilento – busti reliquiari di San Mauro Martire e San Mauro Abate

Le statuette ora precedono la più imponente immagine di San Mauro. In paese, oltre a San Mauro, va ricordata un’altra importante ricorrenza: la festività in onore della Madonna Addolorata, celebrata a partire dal Lunedì in Albis. La festività estiva si apre con la tradizionale novena che si celebra tutti i giorni fino alla vigilia. Il culmine della spiritualità, invece, si raggiunge con la caratteristica processione prevista nel pomeriggio.

San Mauro Cilento - busti reliquiari di San Mauro Martire e San Mauro Abate
San Mauro Cilento – busti reliquiari di San Mauro Martire e San Mauro Abate
Precedente 'Mare in tavola', per tutta l'estate la nuova rubrica di cilentoitalia Successivo Matonti, riapre al culto la chiesa della Madonna del Carmine