San Mauro Cilento, la ‘discesa della Madonna’ e il ‘miracolo della pioggia’

La festività della Madonna Addolorata a San Mauro Cilento, risuona da circa 300 anni. Risale ai primi lustri del XVIII secolo l’evento che cambiò l’assetto culturale della piccola comunità: da allora fa parte della tradizione locale. Ogni anno, il Lunedì dell’Angelo segna la ‘discesa della Madonna’. I fedeli l’accompagnano fino alla parrocchiale, ripercorrendo il tragitto compiuto dai loro avi, chiedendo l’intercessione della Vergine.

San Mauro Cilento: il miracolo della pioggia

Si annunciava una persistente siccità. La stagione non fu affatto piovosa e il sole batteva i suoi raggi su quelle terre assetate. Quando le colture garantivano gran parte del sostentamento quotidiano, i cilentani concentravano le loro forze su i campi. E quando il presagio di una carestia incombe sulla propria comunità, emerge il profondo legame tra l’uomo e la fede cristiana.

San Mauro Cilento - La statua della Madonna Addolorata
San Mauro Cilento – La Madonna Addolorata

Ciò accade anche a San Mauro nel corso del XVIII secolo. Non potendo far altro, la comunità decise di farsi carico di una colletta per garantire il necessario ad una processione affinché la Madonna potesse accorrere in soccorso del popolo. Mai la Vergine avrebbe ignorato le necessità della sua gente. Si affidava, così, ogni speranza alla benevolenza di Maria nei panni dell’Addolorata.

Era il Lunedì in Albis

Era il Lunedì dell’Angelo quando la folla si radunò alla Cappella dei Sette Dolori dov’è custodita l’immagine della Vergine. Partì speranzosa una solenne processione. I fedeli, con spirito d’immensa devozione, s’incamminarono invocando la Madonna. Alla Vergine innalzavano le loro preghiere. Nel percorrere il tragitto di tanto in tanto si volgeva lo sguardo a quella campagna spoglia e ormai quasi inaridita.

San Mauro Cilento - l'immagine della Madonna Addolorata
San Mauro Cilento – Madonna Addolorata

Giunti nei pressi della parrocchiale dedicata a San Mauro, dal cielo iniziò a scendere la pioggia che divenne sempre più copiosa, fino a costringere il corteo processionale a raccogliersi in Chiesa ove trovò riparo anche l’immagine della Madonna. La pioggia continuò a cadere per l’intera settimana: i campi si rinvigorirono esaudendo le preghiere del popolo. Solo a distanza di giorni le piogge cessarono e fu allora che, con estrema devozione, frammista a commozione, la Madonna fu ricondotta alla Cappella dei Sette Dolori.

San Mauro Cilento: la Discesa della Madonna

Sono armai passati tre secoli. Il Lunedì dell’Angelo, a San Mauro Cilento, continua ad essere un importante appuntamento. La Madonna Addolorata, oggi come allora, discende dalla sua chiesa per giungere alla parrocchiale, ripercorrendo con tanta devozione il vecchio tragitto sul quale si compì il miracolo. La Domenica in Albis, invece, se il tempo è clemente si riconduce l’immagine nella sua cappella altrimenti si aspetta la Domenica successiva.

Il programma della ricorrenza

I festeggiamenti in onore della Madonna, per il 2019 hanno inizio il 22 Aprile. Alle 09:00 le ‘cinte’ dalla chiesa parrocchiale raggiungeranno la cappella dell’Addolorata. Rientreranno in processione accompagnando la Madonna. Nei giorni del settenario la Santa Messa sarà celebrata alle 09:00 ed alle 19:00; quest’ultima seguirà la recita del Santo Rosario. Domenica 28 Aprile, invece, la Santa Messa sarà celebrata alle 09:00 e poi in forma Solenne alle 11:00. Seguirà la caratteristica processione che riaccompagnerà la Madonna nella sua chiesa. I fuochi pirotecnici concluderanno i festeggiamenti della ricorrenza.

San Mauro Cilento - festività della Madonna 2019
San Mauro Cilento – Programma festività della Madonna 2019
Precedente Cilento, anima e passione nei riti del Venerdì Santo Successivo Perito, in Cilento rivive l’antica tradizione delle ‘rogazioni’