Il presepe: quando e come nasce? Breve storia dal Quattrocento ad oggi

La rappresentazione del presepe, inteso come complesso statico, con molta probabilità ha origine nel Medioevo; animato, invece, come vedremo, lo ritroviamo in epoche ben pi anteriori. Oggi è una tradizione molto diffusa nei paesi del mondo ed è una consuetudine ben radicata soprattutto in Italia.

Presepe Nel corso dei secoli si è avuto un intenso arricchimento della composizione che, in origine differiva dalle rappresentazioni medievali per le modalità di composizione. Particolarmente significativa è la realizzazione che avvenne nel piccolo borgo di Greccio nel 1223. Voluta da San Francesco d’Assisi, ecco la prima natività che fu autorizzata da papa Onorio III. 

Ponendo lo sguardo sulla nostra penisola, dobbiamo ricostruire la storia del presepe a partire dal Quattrocento, periodo in cui, seguendo l’esempio del ‘frate di Assisi’ la realizzazione divenne irrinunciabile special modo nelle chiese. Assunse, oltre ad un valore cristiano, anche una forte componente artistica, diventando competizione in laboriosità e bellezza. Mentre nel Quattrocento il presepe interessa soprattutto l’Italia centrale, a partire dal XVI secolo abbraccia il Regno di Napoli, gettando le basi per una lunga trazione, ormai nota in tutto il mondo. Nel secolo successivo compare nelle case più facoltose e, nel Settecento si realizzano natività a grandezza naturale, vere e proprie opere scultoree di grande valore.

Continua l’evoluzione ed oggi è parte importante del Natale cattolico. Nel tempo si sono diffusi anche i ‘presepi viventi’ ma l’arte presepiale delle statuine in terracotta, continua a detenere il fascino assoluto di un antico rituale per ricordare la nascita di Gesù.

Pubblicato da Giuseppe Conte

Ho creato questo blog dove inserisco principalmente i miei scritti. Non ho pretese di originalità pur mettendo impegno e ricerca nei miei lavori. Vi invito a segnalarmi eventuali inesattezze o imprecisioni di cui mi scuso in anticipo. Per contatti [email protected]bero.it oppure per contattare me direttamente [email protected]