Matonti, riapre al culto la chiesa della Madonna del Carmine

MATONTI, LAUREANA CILENTO (SA) – 05 LUGLIO 2019. A conclusione dei lavori di restauro, Domenica 7 luglio 2019,  la chiesa della Madonna del Carmine sarà restituita alla devozione popolare.

Matonti

Matonti ha origini antiche. L’abitato, costituito da più rioni, testimonia l’esistenza in passato di almeno quattro nuclei diversi. Matonti, Matontiello (o Casaliello), li Vetrali e li Spinelli, vennero raggruppati sotto un unico toponimo. Dapprima Limatonti (o li Matonti) e successivamente semplicemente Matonti. Ancora oggi i quattro casali sono bene distinguibili territorialmente. Probabilmente in passato godevano di una totale autonomia l’uno dall’altro sia da un punto di vista storico-sociale sia da un punto di vista religioso. In seguito, invece, vennero accomunati da un’unica parrocchia, quella di San Biagio, edificata, probabilmente, con il declino di una chiesa preesistente.

La chiesa della Madonna del Carmine

A Matonti si trova anche la chiesetta dedicata alla Vergine del Carmelo. La titolazione ha origini relativamente recenti. Basti pensare che fino al XIX secolo ha conservato il nome di San Leonardo. Si rafforza così un culto già presente in paese. Ne è testimone la magna devozione presente in occasione della festività che si svolge ogni anno nel mese di luglio. La ricorrenza della Madonna del Carmine, insieme alla festività di San Biagio, rappresenta uno dei momenti annuali più significativi per il piccolo paese cilentano. I matontesi sono particolarmente devoti della Madonna. Da alcuni mesi, grazie alla comunità di Matonti, al parroco e tutti coloro che hanno contribuito, la chiesa della Madonna del Carmine è stata sottoposta a lavori di restauro e domenica 7 luglio 2019 sarà restituita alla devozione popolare.

Precedente San Mauro Cilento, due casali e un solo patrono Successivo Capizzo, la montagna si illumina per San Mauro…