Giovedì Santo in Cilento, i ‘germogli di grano’ e la ‘cena dei poveri’

Cilento, Aprile 2019. Il Giovedì Santo si allestisce il Sepolcro e dopo la celebrazione l’altare è spogliato di ogni ornamento. In passato, in tal occasione, la chiesa veniva denudata letteralmente, a conferma di una magna devozione e di un profondo rispetto: le statue erano velate da un panno nero e il silenzio avvolgeva l’intera comunità. L’atmosfera luttuosa si accentua con il silenzio delle campane, metaforicamente legate in attesa della resurrezione di Cristo.

Sepolcro allestito il Giovedì Santo (foto Giuseppe Conte)
Sepolcro del Giovedì Santo (foto Giuseppe Conte)

I germogli di grano

Per antica tradizione gli Altari della Reposizione sono adornati con i ‘germogli di grano’. È usanza diffusa nell’intero Meridione e del tutto viva e significativa anche in Cilento. Il Mercoledì delle Ceneri o la domenica successiva, sono i giorni in cui comunemente i chicchi sono messi a dimora. In tal modo saranno pronti per la Settimana Santa. In passato – ed in parte ancora oggi – al frumento si accostano alcuni legumi come lenticchie e fagioli. Tuttavia la consuetudine, pur abbracciando l’intero territorio del Cilento, mostra delle diversità sia nei tempi sia nei modi. In alcune realtà la messa a dimora dei semi avviene in tempi decisamente più ristretti rispetto ad altri. Ne conseguirà un diverso groviglio di filamenti verdi o bianchi secondo l’esposizione. Disposti ai piedi dell’Altare rievocano il Sepolcro di Cristo. Talvolta, il giorno seguente, in occasione della Vi Crucis sono portati in processione.

germogli di grano preparati per il Giovedì Santo
germogli di grano del Giovedì Santo (foto Giuseppe Conte)

Giovedì Santo: la ‘cena dei poveri’

La prassi di offrire ristoro ai più bisognosi della comunità, è stata una tradizione praticata già nel XVIII secolo e sfiorita tra la fine del secolo successivo e gli inizi del XX. Se ne conserva memoria su alcuni testi e tra i racconti dei più anziani. È forse il modo espressivo con cui si testimoniava il rispetto e la devozione verso Gesù attraverso opere di bene rivolte alle condizioni delle proprie realtà.

germogli di grano - Giovedì Santo
germogli di grano del Giovedì Santo (foto Giuseppe Conte)
Precedente Pasqua in Cilento, la straordinaria tradizione culinaria Successivo Cilento, anima e passione nei riti del Venerdì Santo