Cilento in cucina, i piatti della tradizione: frittata di broccoli

La tradizione culinaria del Cilento emerge anche nelle ricette più semplici, restituendo un viaggio straordinario tra la storia di queste terre e i suoi sapori. La frittata di broccoli ne è un esempio. I piatti poveri di un tempo oggi si rivelano una felice riscoperta per la memoria, per gli occhi e soprattutto per il palato. Corposi e delicati, al contempo raccontano una storia straordinaria.

Cilento in cucina: i ‘piatti poveri’ nelle famiglie contadine

Quello che apparentemente passa come un piatto povero, in realtà spesso si rivela una preparazione decisamente appetibile. Erano altri tempi quando si consumavano per estrema necessità. I campi d’inverno sono particolarmente spogli, i frutti regalano poche alternative.

Frittata di broccoli - broccolo

Nel Cilento si coltivano diversi ortaggi, buona parte richiamano le varietà di cavoli e broccoli. Le carni accompagnavano i menù solo nelle occasioni speciali, soprattutto nelle numerose famiglie contadine, dove erano considerato quasi un lusso. Così le disponibilità presenti in dispensa vengono ‘combinate’ restituendo, inconsapevolmente, piatti della tradizione che oggi risultano una vera e propria specialità.

La frittata di broccoli

Pur non potendo contare su alimenti ‘ricchi’ di certo non mancavano uova e formaggio, seppur anch’essi consumati in modiche quantità. Ed ecco che quest’ultimi diventano ingredienti cardine nella ricetta che vi racconto questa volta: la frittata di broccoli. La realizzazione del piatto non richiede particolari abilità e gli ingredienti necessari sono pochi. Al ritorno dai campi, nelle serate invernali, prima che giungesse l’imbrunire, la donna di casa raccoglieva qualche cima di rapa seminata nell’autunno scorso.Ne fa piccoli fasci.

Frittata di broccoli - fasci di cime di rapa (foto Giuseppe Conte)
Frittata di broccoli – fasci di cime di rapa (foto Giuseppe Conte)

E se dal pollaio riusciva a prendere qualche uova, allora la cena era assicurata. In casa non mancava mai il buon formaggio: quello di capra poi, era presente in gran parte delle famiglie. ‘Li vrucculi’ vanno lavati e messi in padella con dell’olio e uno spicchio d’aglio. Appena tendono ad appassire si tolgono dal fuoco. Nel frattempo si sbattono le uova con il formaggio. A questo punto si aggiungono i broccoli.

In tavola

Si mescola bene il composto di uova e formaggio a cui abbiamo unito i broccoli. A questo punto con un filo d’olio si realizza una classica frittata.

Frittata di broccoli - (foto di Giuseppe Conte)
Frittata di broccoli – (foto di Giuseppe Conte)

Dopo averla girata fino a cottura desiderata, si pone nel piatto da portata e si serve a fette. Accompagnato con del pane fatto in casa, può essere un pasto completo seguendo una minestra o una zuppa di verdure.

Buon appetito!

 

 

Precedente L’8 marzo è la Giornata internazionale della donna Successivo San Giuseppe nel Cilento, i luoghi e le tradizioni fra antico e moderno